martedì 8 aprile 2008

SOGNO

Fuori c'e' il sole , ma dentro me la tempesta...
Da quando te ne sei andato il sole e' tramontato
Il letto ancora da rifare, non posso , non ce la faccio, ho ancopra bisogno di sentire il tuo odore sulle lenzuola
I piatti sono nella lavostiglia, ma non ho nenache la forza di alzarmi per farmi la doccia
Niente ha piu' senso per me, andandotene via ti sei portato via la mia vita, , la mia gioia di vivere...il mio cuore
Fuori sento le grida dei bambini, pensare che c'e' gente che ride,e si diverte mi rattrista, sapro' mai piu' cosa e' la felicita'?
Ho strappato tutte le tue foto, buttato tutti i tuoi cd, nessun ricordo di te, di noi deve piu' riafforare in me
Una vita creta insieme, e con un solo gesto sei riuscito a cancellare tutto
Il telefono squilla, lascio che la segreteria risponda per me, adesso non ho voglia di sentire nessuno
II cuscino ormai bagnato dalle lacrime non mi conforta piu', mi rigiro nel letto , distendo una gamba e ...
TU SEI VICINO A ME!


3 commenti:

Simplyandy ha detto...

Veramente bella...solo che se ho capito bene piuttosto che un sogno lo definirei un incubo. Cmq brava, queste righe mi hanno emozionato...sai scrivere bene.

max ha detto...

ecco che nel sogno entra una voce,essa ti urla disperata:
non perderti cri,non lo fare.
seguiti,cercati e trovati,
sai esiste sempre un'alba dopo il tramonto e ogni volta che sorge il sole la natura si ridesta e riprende la vita.
allora ti emozionerai ancora per un fiore,per il pianto di un bambino,un arcobaleno stando a guardarlo sotto la pioggia.
Meno male che alla fine ci si sveglia,come hai fatto tu e ci si rende conto che la nostra non è solo quotidianità,ma VITA.
un abbraccio
Max

butterfly.23 ha detto...

mamma mia, in effetti sembra più un incubo...il sogno è stato svegliarsi!!!